Storia, Warfare e...

Storia, Warfare e...
Come possono coesistere Storia, Arte Bellica e Sport?
Un fantallenatore non deve forse gestire risorse e giocatori come un generale?

domenica 28 giugno 2015

San Francesco a Bologna. Amore, guarigioni e maledizioni

Guido Reni. Pala della Peste. Dettaglio su San Francesco
San Francesco passò da Bologna tre volte. E in ogni occasione, non se ne andò senza essere dimenticato.

Ma prima di spostarsi, inviò nel libero Comune il fidato frate Bernardo da Quintavalle. Che non riuscì a insegnare la fede e l'umiltà che predicava il Santo. Anzi... Frate Bernardo fu male accolto dai bolognesi. E solo grazie alla protezione che gli offrì il nobile Nicolò di Gugliemo de' Pepoli, riuscì a ottenere la prima casa dei frati francescani a Bologna. Presso la modesta Santa Maria de Puliolis. Nell'attuale via del Porto.

Furono proprio quelle difficoltà a spingere nel 1213 (o 1214) San Francesco a Bologna. Dove con il suo carisma e le sue parole ricche di amore, infiammò il cuore dei cittadini. Convincendo il già noto Guglielmo de' Pepoli, Pellegrino da Fallerone e Riccardo da Muccia, a entrare nell'Ordine e a essere i suoi più ardenti seguaci bolognesi.
Basilica di San Francesco. Foto di Giovanni Dall'Orto
Il secondo viaggio di San Francesco risale al 1220. Anno in cui il fidato Bernardo da Quintavalle, aveva appena ampliato e reso più comoda la sua casa. Comportamento che offese profondamente il Santo. Legato nella maniera più assoluta al concetto di povertà che era il fondamento del suo pensiero e delle sue predicazioni.

Il risentimento nel cuore di San Francesco fu tale da spingerlo a chiedere ospitalità ai Domenicani. Che lo accolsero con giubilo. E lo convinsero, dopo lunghi giorni, a ricevere i suoi frati che si offrirono ad accettare qualunque penitenza pur d'incontrarlo. Francesco, vedendoli pentiti con tutto il cuore, li perdonò tutti. Tranne uno. Pietro Stacia. Che fu maledetto per essersi dimostrato tutt'altro che pentito. Comportamento che costò a tutti i frati bolognesi la sospirata benedizione. "Figli miei, io non posso benedire chi fu e rimane maledetto da Dio". Così Francesco salutò i suoi frati prima di andarsene...

Il terzo viaggio invece ci ha lasciato una ricca eredità.
Palazzo del Podestà. Foto di Claudio Giuliani
Documenti storici di valore inestimabile che ci fanno ben capire il carisma e la devozione di San Francesco. In particolare, Antonio Paolo Masini, nella parte terza della Bologna Perlustrata (1666), ci racconta che Francesco, mentre predicava nella pubblica Piazza, mostrò la sua Santità guarendo Pietro Lovecchia. Un giovane cieco che divenne frate e morì come Santo. Ma il documento più importante, è la testimonianza di Tomaso da Spalato. Un iscritto allo Studio che ebbe l'opportunità di vivere quei giorni. Di seguito lascio un breve estratto della sua cronaca che si commenta da sola:

...vidi San Francesco nella Piazza, di fronte al Palazzo (del Podestà), dove erano radunati tutti i cittadini. Tema della sua predicazione era gli angeli, gli uomini e i demoni. Parlò di queste creature spirituali e con tanta esattezza che molti letterati i quali l'udivano rimasero meravigliati di sentir parlare così un uomo semplice... Era vestito di un abito assai povero, tutto disfatto e di nessuna apparenza. Ma Iddio dava alla parola di Lui una virtù tanto grande che indussero a riconciliarsi un gran numero di gentiluomini.... L'affetto e la devozione verso il Santo erano così universali ed arrivavano a tal segno che gli uomini e le donne accorrevano in folla...


Matteo Freddi
autore di Ben ti voglio Lucia. Il re a Bologna, il romanzo che narra la storia e il mito di Re Enzo, e  Finché morte non ci riunirà. La rivisitazione in chiave del Grande Assedio di Malta che secondo l'Associazione Culturale VoltarePagina.Net...

...è un libro che unisce l’utile al dilettevole, che insegna e che diverte, poiché coniuga una lezione di storia alla lettura di un buon libro...

e secondo Temperamente.it ...

...leggendolo, si ha la sensazione di vedere dei quadri animarsi e prendere vita... Questo romanzo mi ha entusiasmato...

Vuoi scoprire altri avvenimenti storici? Naviga il sito o tieniti aggiornato iscrivendoti ai feed rss oppure iscrivendoti alla newsletter. Opzioni disponibili compilando i campi presenti in ogni pagina in alto a destra.