Storia, Warfare e...

Storia, Warfare e...
Come possono coesistere Storia, Arte Bellica e Sport?
Un fantallenatore non deve forse gestire risorse e giocatori come un generale?

venerdì 3 aprile 2015

Revello Maggio Castello 2015. La storia rivive per le strade del paese

Abitanti in costume
Il 16 e il 17 maggio 2015, a Revello (Cuneo), all'ombra del Monte Bracco, nel cuore di un'area dominata dal Monviso, recentemente sancito Patrimonio dell'Umanità da parte dell'Unesco, si terrà l'ottava edizione di Revello Maggio Castello. Una originale rievocazione storica che trasforma il paese in un vero e proprio borgo del 1500. Per due interi giorni i carri sostituiranno le auto, i bar diventeranno locande e i negozi ritorneranno botteghe. E tutte le strade saranno affollate da contadini e mercanti in abiti d'epoca, artigiani, ecclesiastici, cavalieri e soldati in cerca di avventura. Un evento imperdibile per chi ama gli eventi mondani, le feste e i balli in piazza, la buona tavola, la storia e il silenzio dei monumenti.
La battaglia notturna del 2014
Due giornate nelle quali l'avventore, compiendo un vero e proprio viaggio nel tempo, si troverà nel bel mezzo dell'assedio alla fortezza di Revello avvenuto nel 1548. Quando i francesi riuscirono a riconquistare Revello strappandolo dalle mani del Marchesato di Saluzzo.

Di sabato si potranno ammirare i francesi giungere a cavallo e a intimare la resa al marchese Gabriele. Una scena teatrale recitata in dialetto piemontese. Successivamente, nell'attesa del primo assalto, il pubblico potrà afferrare una spada e sfidare a duello i prodi guerrieri pronti alla battaglia o tentare di conquistare le giovani contadine che vendono uova al mercato. Ma qualsiasi cosa si decida di fare, bisogna prestare
Giovani contadine
attenzione a non rimanere travolti dagli archibugieri impegnati nel rincorre il traditore Giuanin Cutel, che sarà catturato e messo alla gogna proprio al cospetto del boia...

Nella serata è prevista l'immancabile battaglia notturna seguita da "La festa Piemonteisa" che tingerà di rosso allietandolo con il suono delle arpe e delle ghironde.

La domenica inizierà con la Santa Messa interpretata dai gruppi di rievocazione storica. Ma non passerà molto tempo per vedere impiccato  Giacu Trus, un ladruncolo sorpreso a rubare salumi. E dopo pranzo, con l'arrivo del re di Francia Enrico II, inizieranno i cannoneggiamenti che daranno inizio all'ultimo e decisivo assalto a Revello.
Picchieri si sfidano in battaglia

Ma questa è solo una piccolissima parte del programma che si può trovare sul sito dell'Arcia, l'associazione promotrice dell'evento.

A parte ciò, non posso certo mancare nel menzionare visite e incontri molto interessanti...
Il Museo del Parco del Po sarà aperto alle visite. Presso i giardini comunali si potranno trovare gli "Asinari del Monviso", l'esibizione di falconeria dei Majesty Falconry e il mercato del bestiame.
A Palazzo Ghibaudo invece, trasformato per l'occasione in un'antica osteria del 1500, saranno esposte le antiche pergamene del Marchesato di Saluzzo, i lavori didattici di ricerca storica dei ragazzi dell'Istituto Comprensivo di Revello", e un percorso relativo alla tradizione revellese dell'allevamento del baco da seta.
In piazza Vittoria sarà presente l'angolo della scienza, dove sarà spiegato il percorso storico del tempo attraverso le meridiane e gli Astrofili Urania di Luserna. E in via Vittorio Emanuele II, si potrà trovare materiale inerente alle rievocazione.

Infine, nella splendida cornice dalla Cappella Marchionale, accanto alla mostra fotografica sul medioevo lucchese di Piero Celli, come nell'edizione del 2013, nella quale fui invitato dalla regista Anna Patrizia Caminati, sarò presente presente con il romanzo storico "Finché morte non ci riunirà". Un testo che narra il Grande Assedio di Malta. Un evento importante accaduto proprio in quell'epoca. Nel 1565. Quando l'impero Ottomano governato dal sultano Sulimano detto il Magnifico, giunse l'apice del suo splendore e della sua espansione arrivando fino alle porte di Vienna. Terrorizzando con la sua inarrestabile avanzata le popolazioni europee che cominciarono a urlare "Mamma li turchi!". Specialmente quando i corsari ottomani che imperversavano in lungo e in largo per tutto il Mediterraneo, aggredivano le coste liguri e meridionali dell'Italia. Se vuoi approfondire l'argomento, ti consiglio di leggere l'intervista pubblicata da Talento nella Storia.

Quindi? Ci vediamo a Revello? Nel mentre, in fondo alla pagina, lascio due brevi video. Il primo è relativo a una vecchia edizione di Revello Maggio Castello, il secondo è il trailer del documentario che a breve pubblicherò sull'Assedio di Malta. Buona visione!

Matteo Freddi
autore di Ben ti voglio Lucia. Il re a Bologna, il romanzo che narra la storia e il mito di Re Enzo, e  Finché morte non ci riunirà. La rivisitazione in chiave del Grande Assedio di Malta che secondo l'Associazione Culturale VoltarePagina.Net...

...è un libro che unisce l’utile al dilettevole, che insegna e che diverte, poiché coniuga una lezione di storia alla lettura di un buon libro...

e secondo Temperamente.it ...

...leggendolo, si ha la sensazione di vedere dei quadri animarsi e prendere vita... Questo romanzo mi ha entusiasmato...

Vuoi scoprire altri avvenimenti storici? Naviga il sito o tieniti aggiornato iscrivendoti ai feed rss oppure iscrivendoti alla newsletter. Opzioni disponibili compilando i campi presenti in ogni pagina in alto a destra.  

Revello Maggio Castello 2013

Trailer documentario